Search

Check-in:

Check-out:

Adults:

Children:

 

 

Searching...

Enter your details

Reservation summary

Thanks for your reservation! We have just sent you a confirmation email at with the following details:

Check-in: - Change
Check-out: - Change
Number of nights:
Adults: - Change
Children: - Change
Accommodation: - Change

Accommodation price: €
Options price: €

Total price: €

See you soon!

There is no active payment gateways. Please activate at least one payment gateway in HBook settings (Hbook > Payment).

Terms and conditions

Processing...

Cosa puoi fare durante il tuo soggiorno nel nostro Hotel

Vicino al mare

Percorsi naturalistici

Ristorazione

Posti suggestivi

APRICALE

Il Borgo medioevale di Apricale (607 ab. / 291 mt. s.l.m.) è situato nell’entroterra di Bordighera e Ventimiglia, a 13 Km dal litorale. La sua felice posizione è all’origine del nome, che deriva da apricus, esposto al sole, ma la principale caratteristica del paese, che ha incantato nel tempo i suoi visitatori, è lo scenografico aspetto dell’abitato, una sinuosa cascata di antiche case di pietra allungate sulla dorsale di un erto pendio dominato dall’altura del Castello. Questa straordinario colpo d’occhio, unico nel pur ricco campionario dei “Villaggi di pietra” della Liguria intemelia (cioè abitata prima degli antichi Romani dalle tribù degli Intemelii), è stato celebrato da poeti e scrittori e dipinto da pittori di fama, che hanno contribuito a fare di Apricale un borgo particolarmente frequentato e amato dagli artisti.
Il paese di Apricale è stato eletto il borgo più bello della Liguria. Sono una sessantina i Comuni che costituiscono il club de “I Borghi più belli d’Italia” e, tra questi appunto Apricale

DOLCEACQUA

Dolceacqua è un borgo medievale della Val Nervia, distribuito lungo il torrente omonimo. La parte più antica, dominata dal Castello dei Doria è chiamata “Terra”, è posta ai piedi del Monte Rebuffao; la parte più moderna il “Borgo”, si allunga sulla riva opposta, ai lati della strada che risale la valle. Nella metà del Quattrocento la crescita dell’abitato, che aveva fatto del percorso di via Castello il principale asse viario urbano, portava alla creazione del nuovo quartiere del Borgo, al di là del torrente Nervia; i due nuclei vennero collegati da un elegante ponte a schiena d’asino a un solo arco di 33 metri di luce. Il ponte, che Claude Monet dipinse nel 1884, definendolo “un gioiello di leggerezza”, insieme al grappolo di case della Terra e al sovrastante castello dei Doria rappresenta una delle più pittoresche e celebri visioni dell’entroterra ligure. Ai piedi della Terra, la parrocchiale di Sant’Antonio Abate, di origini quattrocentesche, ingloba una torre angolare quadrata delle antiche mura, divenuta la base del campanile. L’edificio sacro venne rifatto in forme barocche ed è ornato da ricche decorazioni interne; custodisce il prezioso e delicato polittico di Santa Devota, opera del 1515 di Ludovico Brea, caposcuola della corrente pittorica ligure-nizzarda.

SEBORGA

Il piccolo comune di Seborga è situato nell’entroterra tra Ospedaletti e Bordighera e dista da Sanremo circa 20 km. Il territorio comunale fa parte della Comunità Montana Intemelia o Comunità Montana Imperia. A partire dagli anni ’50 del XX secolo alcuni membri della comunità di Seborga hanno rivendicato un’indipendenza dalla Repubblica Italiana, in virtù di un antico status di principato di cui la località anticamente avrebbe goduto, ritenendo non valida l’annessione al regno di Sardegna. Palazzo dei Monaci, sede della ZeccaI cittadini di Seborga eleggono perciò anche un “principe” con funzioni prettamente simboliche (dal 14 maggio 1963)

BUSSANA VECCHIA

Bussana Vecchia (in ligure Bussanna Vegia) è una frazione collinare del Comune di Sanremo. Il violento terremoto del 23 febbraio 1887 semidistrusse il paese, fino a quel momento chiamato semplicemente “Bussana”, tanto da venire completamente evacuata dagli abitanti che si spostarono circa tre chilometri più a valle fondando il paese di Bussana Nuova. Totalmente abbandonata per decenni, ha ricominciato ad essere abitata dal finire degli anni cinquanta del Novecento da artisti italiani e stranieri, attratti dalla particolarità del luogo, che ristrutturarono e resero nuovamente abitabili gli edifici meno danneggiati. Attualmente ospita una comunità internazionale di artisti, con botteghe artigiane ed alcuni punti di ristoro, tanto da essere divenuto, negli anni, un caratteristico “villaggio di artisti” in un’ambientazione da borgo medioevale.

TRIORA

Il comune è situato nella Valle Argentina ed il suo territorio comunale è il più esteso della provincia imperiese. Il territorio comunale fa parte della Comunità Montana Argentina Armea o Comunità Montana Imperia 2, annessione confermata dalla legge regionale n° 24 del 4 luglio 2008[3] e in vigore dal 1º gennaio 2009 a seguito del riordino delle comunità montane. Il centro principale (Triora) sorge a 780 m s.l.m. sulle estreme pendici meridionali di un costone montuoso che digrada dal massiccio del Saccarello verso la stretta conca di fondovalle percorsa dal torrente Argentina. Triora dista da Imperia circa 47 km.

PISTA CICLABILE

La pista ciclabile più lunga d’Europa passa di fronte all’Hotel Napoleon. La sua particolarità consiste nell’avere un percorso costiero a ridosso del mare a stretto contatto con la natura lontano dallo smog e dai rumori delle auto e delle moto. Può essere percorsa solo ed esclusivamente con biciclette, pattini, skate o più semplicemente a piedi.

CERVO AL MARE

Incastonato sulle pendici fronte mare, distante da Sanremo circa 30 km, è stato completamente ristrutturato con competenza e buon gusto, salvaguardando le caratteristiche originarie del borgo, considerato uno dei borghi liguri più belli d’Italia, mantenendo intatto lo spirito abitativo del luogo. Cervo al mare è famosa per i suoi concerti di musica classica

MONTECARLO

L’Hotel Napoleon dista a 35 km da Montecarlo e in autostrada ci si impiega circa 20 minuti. Il Principato di Monaco o Montecarlo è uno Stato indipendente e sovrano. Il Principato di Monaco é servito in passato da rifugio per le popolazioni primitive. La storia di Monaco comincia realmente a partire dal XIII secolo. Il 10 giugno 1215 segna la nascita del futuro Principato, in questo giorno la famiglia genovese dei Ghibellini pone la prima pietra della fortezza che oggi é il Palazzo del Principe. Per attirare gli abitanti, i primi Signori della Rocca accordano ai nuovi arrivati preziosi vantaggi, come la concessione di terre o l’esenzione dalle tasse. La storia di Monaco da 700 anni é associata a quella della famiglia Grimaldi che ha celebrato nel 1997 l’ascensione ai destini dell’attuale Principato. A metà maggio di ogni anno a Montecarlo si svolge il Gran Premio di Formula Uno, evento unico nel suo genere